CURA DEI CAPELLI: I 5 ERRORI PIÙ COMUNI

È probabile che alcune delle cose che leggerete potranno sembrarvi banali, ma non è detto che lo siano per tutti. Infatti di seguito vi riporto gli"errori" più comuni che sento dalle clienti al banco della dermocosmesi riguardo la cura dei capelli!
Non vuole essere una critica ma un qualcosa di costruttivo per il benessere dei vostri capelli!
 
 



1 - "Faccio due passate di shampoo"
Svantaggio: Il primo passaggio è sufficiente per rimuovere lo sporco, soprattutto se laviamo i capelli di frequente. Effettuando un secondo passaggio si potrebbe intaccare il naturale mantello idrolipidico superficiale che protegge la cute e preserva l'idratazione del capello nella sua lunghezza, portando alla lunga a desquamazione (forfora secca), prurito, indebolimento dei capelli, fino alla loro caduta.
Consiglio: Meglio massaggiare lo shampoo qualche minuto in più in ogni parte del cuoio capelluto e non sulle lunghezze, con movimenti circolari usando i polpastrelli, per stimolare il microcircolo. Poi sciacquare tanto...almeno il tempo di una canzone!!! Per distribuire al meglio il prodotto consiglio di metterlo sulla mano, prelevarne piccole quantità e metterle in 5 punti diversi del cuoio capelluto.
La scelta dello shampoo non deve essere casuale ma deve basarsi sulla tipologia dei vostri capelli (ricci, lisci, colorati) e soprattutto sulla frequenza di utilizzo.

2 -" Non uso il balsamo"
Svantaggio: Lo shampoo ha tendenzialmente un ph basico che serve a sollevare le "squamette" superficiali del capello per una corretta rimozione dei residui di sporco. Ecco allora che interviene il balsamo che, con un ph più acido, le richiude! Ma non solo: neutralizza l'elettrostaticità presente sulla superficie dei capelli, attraverso i tensioattivi cationici. Dona emollienza e idratazione al capello. Non usandolo i capelli risulterebbero sempre più secchi, crespi, visibilmente spenti e danneggiati.
Consiglio: Dopo lo shampoo strizza i capelli e applica una noce di balsamo solo sulle lunghezze e non sulla cute. Tienilo in posa mentre insaponi il corpo e poi sciacqua abbondantemente.
Piccolo trucco: dopo il balsamo, sui capelli bagnati puoi anche vaporizzare, magari riciclando un vecchio contenitore spray, un po' di aceto che, con il suo ph acido, renderà il capello ancora più lucente!

3 - "Voglio una tinta senza ammoniaca"
Svantaggio: L'ammoniaca è essenziale per ottenere una colorazione permante e coprire i capelli bianchi. Crea un ambiente basico che ringonfia la cheratina del capello e permette il passaggio, attraverso la cuticola, dei precursori del colore che reagiranno con gli agenti ossidanti formando un complesso colorato. Dunque l'ammoniaca è indispensabile e la dove non viene usata, vengono impiegati i derivati dell'ammoniaca, ovvero le ammine, che hanno il vantaggio di essere inodore. Se non ci sono queste sostanze allora difficilmente si tratterà di una tinta permanente ad ossidazione.
Consiglio: Quello che conta è quanto queste sostanze siano concentrate. Ci sono tinte più o meno delicate. È bene rispettare i tempi di posa perché se si superano il rischio è di sviluppare dermatiti irritative. Sempre per questo rischio bisogna fare uno sciacquo accurato per rimuovere il prodotto. In più non fate la tinta più di una volta al mese. Se si rispettano questi accorgimenti non si corre alcun rischio!

4 - "Diluisco lo shampoo con l'acqua quando sta per terminare"
Svantaggio: Aggiungere l'acqua nel flacone di shampoo che sta per terminare può contaminare il prodotto e il sistema conservante potrebbe non essere efficace. L'acqua rappresenta uno degli ingredienti che più possono alterare l'equilibrio microbiologico di un prodotto cosmetico. Così quello che era il vostro shampoo potrebbe diventare una coltura microbica!!!
Consiglio: in generale è sconsigliabile aggiungere altri ingredienti, compresa l'acqua, ad un cosmetico sul quale sono stati effettuati test di efficacia e soprattutto di sicurezza con quella determinata lista di ingredienti che lo compongono. 

5 - "Pettino i capelli sotto la doccia" 
Svantaggio: Non è consigliabile pettinare i capelli da bagnati perchè quando sono carichi di acqua sono molto più fragili e si spezzano facilmente, soprattutto se sono sottili. 
Consiglio: una volta usciti dalla doccia è preferibile tamponate i capelli per togliere il carico di acqua, districarli dolcemente con le dita, magari applicando un prodotto idratante in crema o in olio non a risciacquo. Dopodiché procedere con l'asciugatura usando il phon a temperatura media. Quando sono quasi asciutti si può passare alla piega con la spazzola. In questo modo andrete a preservare le lunghezze senza impoverirle. Consiglio di usare sempre il termoprotettore anche prima della piastra!


Provare per credere!

Foto presa da Pinterest

Commenti

Post popolari in questo blog

CONNESSIONE TRA PELLE E INTESTINO: NUOVE STRATEGIE CONTRO L'ACNE.

SCOPRI IL TUO DETERGENTE VISO IDEALE!

BORSE PERIOCULARI: CAUSE E TRATTAMENTO